1919 COMOEDIA pubblica la commedia di Pirandello “L’uomo, la bestia e la virtù”

Da COMOEDIA Num. 1 - 10 Settembre 1919:

  • Il periodico pubblica il testo completo della commedia: "L'uomo, la bestia e la virtù"
    Autore: Luigi Pirandello

 

 

L'UOMO LA BESTIA E LA VIRTU'  di Luigi Pirandello. Commedia in tre atti rappresentata la prima volta al Teatro Olimpia in Milano nel Giugno 1919 dalla Compagnia Gandusio
PERSONAGGI: Il trasparente signor PAOLINO, professore privato. La virtuosa signore PERELLA, moglie del CAPITANO PERELLA. Il dottor NINO PULEJO. Il signor TOTO', farmacista, suo fratello. ROSARIA, governante del signor Paolino. GIGLIO e BELLI, scolari. NONO' ragazzo di 11 anni, figlio dei Perella. GRAZIA, domestica di casa Perella. Un marinaio.
In una città di mare, non importa quale. - Oggi.
ATTO PRIMO
Stanza modesta da studio e da ricevere in casa del signor Paolino. Scrivania, scaffale di libri, canapé, poltrone, ecc. La comune è a sinistra. A destra, un uscio; un altro in fondo, che dà in uno sgabuzzino quasi buio.
SCENA PRIMA 
Rosaria e il signor Totò.
Al levarsi della tela, la stanza è in disordine. Parecchie seggiole in mezzo alla scena, le une sulle altre, capovolte; le poltrone fuori di posto, ecc. Entra dalla comune Rosaria con la cuffia in capo e ancora i diavolini attorti fra i capelli ritinti d'una quasi rossa orribile manteca. Ha l'aspetto e l'aria stupida e petulante d'una vecchia gallina faraona. La segue il signor Totò col cappello in capo, collo torto da prete, aspetto e aria da volpe contrita. Si stropiccia di continuo le mani sotto il mento, quasi se le lavasse alla fontana della sua dolciastra melensa.
ROSARIA - Ma scusi, ma perché vuole entrarmi in casa ogni mattina? Non vede che é ancora in disordine?
IL SIGNOR TOTO' - E che fa? Oh, per me, cara Rosaria...
ROSARIA - (con scatto di stizza, voltandosi come volesse beccarlo). Ma come, che fa?
TOTO' - (restando male, con un sorriso vano). Dico che io non ci bado... Vi lascio la chiave, perché la consegniate a mio fratello, il dottore appena ritorna, poverino, dalla sua assistenza notturna all'ospedale.
ROSARIA -  Va bene. Potrebbe darmela sulla porta, la chiave, e andarsene, senza entrare.
TOTO' - Per me è ormai una cara abitudine, questa...
...
...
...
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *