1953 Eduardo De Filippo – Apriamo un dibattito: dialetto o lingua?

Da TEATRO D'OGGI - Num. 2 (Agosto - Settembre) 1953:

  • Apriamo un dibattito: dialetto o lingua?
  • Autore: Eduardo De Fiippo

 

 

APRIAMO UN DIBATTTO: dialetto o lingua?
Risponderei che non è lecito mai tradurre in lingua opere originariamente concepite in dialetto. Nessuna lingua, per quanto ricca e forbita, può gareggiare a mio awiso con Ia ricchezza, il colore e le sfumature del dialetto. Per ottenerne, sul piano culturale, una divulgazione approssimativa possono aiutare degli accorgimenti: che il traduttore sia effettivarnente un poeta oltre che un dialettologo; che il suo testo si accompagni sempre all'originale, servendogli come una specie di glossario. Ma non tutti gli autori ne sono intimamente soddisfatti. Benchè parecchie mie commedie siano tradotte. e rappresentate un po' dovunque, fuori d'Italia, nei più diversi idiomi, io ne considero preferibile la divulgazione nel testo originale e, magari, nei vari dialetti regionali.

 

EDUARDO DE FILIPPO
 
 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *