1966 Ferruccio Soleri – Il mio Arlecchino

Dal Programma di sala ARLECCHINO SERVITORE DI DUE PADRONI 1966:

  • Il mio Arlecchino
    Autore: Ferruccio Soleri

 

 

Il mio Arlecchino

ll mio primo contatto con Arlecchino è avvenuto a Roma, all'Accademia Nazionale d'Arte Drammatica, sotto lo stimolo di una particolare esigenza teatrale dovut 'all'intuito e alla sensibilità di Giacomo Colli. Fu, allora, una ricerca appassionante e febbrile su testi, su stampe d'epoca, su riproduzioni di antiche maschere, severamente condotta con spirito critico ma con intendimenti soprattutto estetici. Arlecchino era ancora, per me, una maschera senza un volto preciso, anche se i suoi contorni venivano prendendo forma in modo sempre più netto. Nel 1959 vidi per la prima volta I'Arlecchino di Marcello Moretti in un indimenticabile spettacolo che portava l'impronta, precisa e caratterizzata, di Giorgio Strehler; fu per me una vera rivelazione: Arlecchino, sulla scena, perdeva i caratteri stereotipati e convenzionali della maschera per diventare un immenso fatto umano, carnale, contadino, pecoreccio, un autentico personaggio popolaresco. Da allora, vivendo materialmente e psicologicamente vicino a Moretti e allo spettacolo, maturai lentamente, dentro di me, la lezione che dopo qualche anno sarebbe diventata un fatto determinante della mia vita di attore e di uomo. Il mio Arlecchino, è andato via via prendendo forma come fatto personale, immerso nelle esperienze mie, della società in cui vivo, nella quale Arlecchino può rappresentare, sia sul piano psicologico che su quello più strettamente emotivo, non tanto un modello quanto la simbolizzazione di una particolare situazione umana. Ecco perchè penso che il mio Arlecchino, che parte e non può prescindere dalla grande lezione "umana" di Moretti, si è venuto via via "storicizzando", fino a diventare, così come io lo sento, l'immagine di un uomo in lotta fra due mondi (i due Padroni) con tutte le contraddizioni, le furberie, le astuzie e - perchè no? - le ruffianerie; psicologica rivalsa degli oppressi e degli uomini costretti a salvare se stessi di fronte a forze, in genere incomprensibili ma sempre avverse, che tendono a schiacciarli e ad annullarli. ln fondo, sulla scena, io mi difendo. Vivo una vita fatta di espedienti, di compromessi, ma Ia mia anima di popolano dai riflessi ora pronti e ora offuscati, finisce per uscirne in qualche modo salva, aiutata da un ancestrale spirito di conservazione che mai mi abbandona. Ecco il mio grande debito e la storia che giorno per giorno, a contatto con una certa realtà e con un continuo ripensamento "viscerale" del mio personaggio, mi sono venuto costruendo.

FERRUCCIO SOLERI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *