Attila (1981) Nicola Ghiuselev – Maria Parazzini

Teatro dell'Opera di Rona presenta: 

Attila (1981)

Dramma lirico in un prologo e tre atti di Temistocle Solera. Musica di Giuseppe Verdi

  • Interpreti: Nicola Ghiuselev (Attila) Maria Parazzini (Odabella) Matteo Manuguerra (Ezio) Nunzio Todisco (Foresto) Franco Pugliese (Leone) Roberto Mazzetti (Uldino) - Coro voci bianche dell'ARCUM di Paolo Lucci
  • Maestro Concertatore: Bruno Bartoletti
  • Regia: Antonello Madau-Diaz
  • Maestro del coro: Gianni Lazzari
  • Scene: Carlo Savi
  • Costumi: Massimo Bolongaro
  • Movimenti coreografici: Alfredo Raimò
  • Direttore allestmento: Attilio Clonnello

 

Fotografie 

  •  1. Ghuselev 2. Parazzini 3. Manuguerra 4. Todisco 5. Pugliese 6. Mazzetti 7. Bartoletti 8. Madau-Diaz
Programma di sala (pagine 96)
  • Attila tra i mostri (Erasmo Valente)
  • Genesi dell'Opera
  • Giuseppe Verdi: elementi biografici
  • Attila in Italia (Gualerzi - Marinelli)
  • Discografia (Carlo Marinelli)
  • L'argomento - Interpreti
  • Fotografie
  • Prima rappresentazione 2 giugno 1981
L'argomento

PROLOGO
Ad Aquileia, attorno alla meta del V secolo gli Unni saccheggiano la città, guidati da Attila. Entra il condottiero che ordina di lasciare i morti insepolti, e s’infuria quando vede uno stuolo di donne di Aquileia ancora in vita. Uldino gli dice che si tratta di un omaggio offerto a lui dal suo esercito. Attila è ammirato, specialmente da Odabella, figlia del signore di Aquileia e animata da propositi di vendetta dopo che l’invasore le aveva sterminato la famiglia. Odabella reclama la sua spada, e contro Attila che le porge la sua cerca di sferrare un colpo mortale. Entra il generale romano Ezio, antico avversario di Attila, che gli propone un vile baratto: il dominio del mondo al condottiero unno, ma l’Italia a lui. Attila rifiuta, ed Ezio parte sdegnato. La seconda scena è a Rio Alto: dopo una tempesta, qui giungono i profughi da Aquileia condotti da Foresto, marito di Odabella, che giura di ritrovare la sposa e salvare l’Italia.

ATTO I
Ad Odabella, in un campo presso Roma, appare il fantasma del padre. Arriva Foresto che respinge Odabella, accusandola di tradirlo con Attila. Odabella risponde che l’unico motivo per cui segue l’invasore è ucciderlo con la sua stessa spada, e Foresto viene rincuorato dalla donna che ama. Nella sua tenda, Attila ha un incubo, che racconta ad Uldino: presso Roma, la voce di un vecchio gli imponeva di non avvicinarsi. Uldino lo invita a scacciare queste visioni, ed Attila si prepara ad invadere la città. Ma da lontano giungono suoni religiosi, e compare una processione guidata dal vecchio papa Leone che gli impone di stare lontano da Roma. Attila è terrorizzato: il sogno premonitore si è avverato.

ATTO II
Ezio viene a sapere che l’imperatore Valentiniano ha imposto di stringere una tregua con gli Unni e ricorda i tempi antichi dell’onore romano. Sollecita Foresto a uccidere il condottiero unno con l’inganno.
Al banchetto con i Romani, i Druidi avvertono Attila che i presagi sono nefasti, ma lui non li ascolta. A turbare la festa giunge anche un vento che spegne tutti i fuochi e provoca terrore tra gli astanti. I fuochi si riaccendono, e Foresto informa Odabella che Attila sta per bere una coppa avvelenata da lui stesso preparata. Ma Odabella, decisa a essere solo lei lo strumento della vendetta, avverte l’invasore, pur chiedendogli di graziare Foresto. Attila esaudisce i suoi desideri e le impone di sposarlo.

ATTO III
Foresto è disperato per il comportamento di Odabella ed esprime alla donna tutto il suo disprezzo. Ai due si aggiunge Ezio e quando Attila entra, i tre lo fermano, intenzionati a ucciderlo. Il condottiero unno ricorda tutti i favori elargiti loro: ad Ezio la salvezza di Roma, a Foresto la grazia, ad Odabella il trono. Ma Odabella non si lascia impietosire e lo pugnala, mentre i Romani dilagano per il campo uccidendo gli Unni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *