Casanova in casa Nava (1954) – Le sorelle Nava

La Compagnia di Rivista le TRE NAVA presenta:

Casanova in casa Nava (1954)

Rivista in due tempi di Umberto Simonetta e Guglielmo Zucconi

  • Interpreti principali: Pinuccia, Diana e Lisetta Nava, Elio Crovetto, Lucio De santis, Antonio La Raina, Carlo Fantini - The Rend Ballet
  • Musiche: Aldo Buonocore
  • Coreografie: Dino Solari
  • Scene: Luca Crippa
  • Costumi: Sebastiano Soldati
  • Regia: Guido Leoni

 

Fotografie 

1.2.3. Lisetta, Diana e Pinuccia Nava - foto di scena

Programma di sala (pagine 28)
  • Il cast
  • Primo e secondo tempo
  • Permettete? ... LE NAVA!
  • Fotografie
Permettete? ... LE NAVA!
 
1939 - Cominciarono Pinuccia e Diana; una sera, a Firenze, Diana non si ricordò una parola della canzone che doveva cantare; allora Pinuccia uscì sul palcoscenico, e ne improvvisò la parodia, con smorfie, sbracciamenti, parole senza senso. Ci aspettavamo qualcosa come una lapidazione dopo un sommario processo, invece il successo fu tale, che l'impresario del teatro ci raddoppiò la paga e ci confermò. 1940 - Iniziammo il nostro trio nella compagnia di papà, s'era aggiunta Lisetta "la nera" che era certa di fare meglio di Eleanor Powel! (e ho mantenuto l'impegno! n.d. Lisetta). Poi dice che una è fanatica! n.d. Pinuccia e Diana). Poi ci unimmo al quartetto Funaro, che ricordiamo con reverenza e commozione,e a Spadaro. Cominciava a ingranare !... 1941 - Tentammo l'estero. Al Wintergarten di Berlino ci fu assegnata Ia "SteÌIa d'oro", una specie di Oscar tedesco. Ci fu imposto di recitare in lingua tedesca, e dovemmo imparare tutto il numero in una sera sotto la guida di mamma. Facemmo la prova generale davanti alla padrona di casa, una berlinese molto simpatica, la quale rise e si divertì molto, e quando alla fine le chledemmo cosa gliene paresse, ci rispose: "Siete molto graziose!... ma che lingua parlate?... ". Che la possino!...  1942 - Altra tappa: Scandinava! Ad Aalborg andammo a cavalcare al parco, e tutti i giorni v'incontravamo un distinto ed anziano signore, che ci passava vicino a cavallo, salutandoci cordialmente con un gesto del capo. Una sera, a teatro, lo vedemmo in un palco, con alcune belle ed eleganti signore. Pinuccia fece loro un'infinità di smorfie, fra le loro più matte risate, ma quando rientrò in camerino iI direttore del teatro le s'avvicinò pallido, concitato: "lo sapete che tutta la sera avete fatto gli sberleffi al Re?... ". Ma la cosa finì con un grande cesto di fiori nel nostro camerino, da parte dei Reali di Danimarca. 1943 - Facciamo ritorno in ltalia, debuttando al Valle di Roma, con un super spettacolo a cui prendevano parte Fabrizi, Totò, Tito Gobbi e altre "vedettissime". 1944 - Prima rivista con Rascel di cui siamo molto amiche, e che rispettiamo ed ammiriamo. Quindi "soubrettes" con Nino Taranto nelle riviste "Scampoli" e "Romanzo di un giovane povero". Anche a Taranto siamo legate da vincoli di profonda e fraterna amicizia. 1945 - Al Nuovo di Milano, "Zabum, Pirulì, Pirulì": una rivista che ci rivelò al gran pubblico milanese. 1946 - Il primo film: "Mio flglio professore" con Fabrizi il nostro buon Aldo. Dopo di che andiamo in Belgio. 1947-48 - Siamo con Macario, in "Cavalcata di donné" e "Le educande di San Babila"; siamo molto grate a Macario per la sua umanità e cordialità affettuosa. 1948-49 - La Spagna! Che meraviglioso paese! E nun ce volevano mannà più via! (una faccenda di passaporti...) (indovinate un po' delle tre chi ha detto questa battuta?... Ma si! proprio Pinuccia! 1950 - Grecia. Partenone, Euripide, un chilo di pane due milioni e mezzo, e quindi rientriamo in Patria (gira, gira, l'Italia era sempre dentro il nostro cuore !). Giriamo "Arrivano I nostri!" con Chiari... E fu, quello, un anno traglco, culminato nella scomparsa del nostro adorato papà. 1951 - Riprendiamo con una estiva all'Odeon: "Sette giorni a Milano". 1952 - Diamo alle scene una tra le nostre riviste più fortunate: "Davanti a lui tre... Nava tùtta Roma", con Aldo Bedosti che abbiamo voluto al timone delle Nava anche quest'anno.... - 1953 -  "Tre x Tre = Nava". Mica male, vero?... Ci avete viste?... Noi vi ricordiamo benissimo! 1954 - Siamo a... "Casanova in Casa Nava", e che Dio ce la mandi buona, perchè, credete, non si sa più cosa fare per voi: uff, come siete diventati esigenti e schizzinosi!...
E per il prossimo anno?... Beh, fratelll, calma! Abbiamo però un'idea che se... ma non vi diciamo niente; sappiate che è una grossa sorpresa! Posslamo solo dirvl che abbandoniamo questa formula, sempre che non siate voi, poi, ad abbandonare noi... Nel caso non v'andasse a fagiolo I'idea, fatecelo sapere scrivendoci a casa, Siamo qua, sempre qua per il nostro pubbllco. Che è poi il principale artefice e realizzatore dei nostri spettacoli. Non in qualità di "Corifeo", ma come una persona vigile e intelligente. Per la quale siamo felici di lavorare e di creare. Tante e di più cose care.
La Nava

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *