Comoedia 1920 Numero 10 – Giovacchino Forzano – Dina Galli

25 Maggio 1920 - Anno II - Numero 10

COMOEDIA

Fascicolo periodico di commedie e di vita teatrale - Direttore amministrativo Eugenio Gandolfi - Casa Editrice Italia (Milano)

  • In questo numero:
  • MADONNA ORETTA il testo completo della commedia in tre atti di Giovacchino Forzano rappresentata la prima volta nel maggio del 1917 al Teatro Valle di Roma dalla Compagnia Talli / Guasti / Bracci - Giovacchino Forzano (Cenno Biografico) - Dina Galli (Medaglione) - Rassegna teatrale (di Gino Rocca )

 

Articoli: Giovacchino Forzano (Cenno biografico) - Dina Galli (Medaglione)

GIOvACCHINO FORZANO - Nacque a Borgo San Lorenzo, nel Mugello, or sono 35 anni. Ultimati gli studi classici studiò medicina a Firenze quindi… si laureò in legge. Giornalista, cultore fervido di studi storici e letterari ha però il buon gusto di non appesantire i suoi lavori teatrali con vani sfoggi della sua cultura. E' uno dei nostri più fecondi autori e fra quelli che meglio conoscono il teatro. Ingegno fertilissimo egli è arrivato a questa conoscenza attraverso una ginnastica teatrale intensa e svariata. Dalla commedia al libretto di opera e di operetta, alla revue, non v'è genere di produzione teatrale in cui Giovacchino Forzano non abbia mietuto successi. Può costituire una curiosità l'elenco dei lavori di Forzano rappresentati fino ad oggi e divisi in categorie: Révues: Lo sciopero delle acque, La storia del gruppo, Monopoleone, Kullur, C'era una volta un lupo .... Operette: La Reginella delle Rose, scritta per la musica di Leoncavallo, Mademoiselle Porte-Bonheur per Lehàr, La Candidata ancora per Leoncavallo, L'Aquila e le colombe, Quel che manca a Sua altezza, Sua Eccellenza Belzebù. Libretti d'opera: Fiorella, Galvina per il maestro Ferrari Trecate, Notte di Leggenda per il m. Franchetti, Lodoletta per il m. Mascagni, Suor Angelica Gianni Schicchi per Giacomo Puccini. Sono per andare in scena: La gabbia d'oro e I due Colombi scritti per il m. Wolf Ferrari, Il piccolo Morat per il m. Mascagni, I Compagnacci per il m. Riccitelli, Donne e voi che le donne avete in pregio, Perdio nondate a questa istoria orecchio per il m. Jachino. La prima opera che scrive il m. Lehàr sta scrivendola su libretto di Forzano e troppo lungo sarebbe enumerare tutti i lavori di Forzano a cui altri musicisti attendono. Commedie: Il VII Sacramento che fu la prima, Carità ... , Le ballerine del Faust, il Padre del Tenore, Madonna Orella, Le campane di San Lucio. Adesso egli sta attendendo a due lavori drammatici: un dramma cinese e il Lorenzino dei Medici che interpreterà Ruggero Ruggeri. Giunto oggi nella maturità del suo ingegno è lecito affermare che il teatro italiano può molto attendere da Giovacchino Forzano.

DINA GALLI - È certamente l'attrice verso la quale tutti i pubblici d'Italia hanno contratto il maggior debito di riconoscenza. Perchè, se è vero che il riso fa buon sangue, ella, che ha suscitato dovunque la più schietta allegria, deve aver fornito sangue eccellente ad ettolitri. Forse è per questo che gli spettatori dei principali teatri dov'ella continua a raccogliere fiorentissimi allori, non soltanto la ammirano e la apprezzano come artista squisita, ma le vogliono bene come a una persona cara, come a un'amica fedele, deliziosa dispensatrice di gioia. Basta considerare il calore dell'ovazione che l'accoglie ogni volta alla sua ricomparsa in un teatro e che la saluta alla sua serata d'addio per capire quanto affetto c'è per lei in quella folla che applaude. E Dina lo sa, e ne è felice. E’ felice dei suoi successi non tanto perchè le hanno dato i maggiori trionfi e le hanno fatto raggiungere in arte il più invidiabile posto, quanto perchè prova un piacere immenso a sentirsi la beniamina del pubblico. Ecco perchè è un compito pieno di difficoltà, scrivendo ancora di lei oggi, cercare qualche cosa che non sia già stata detta e scritta mille volte. Articoli di varietà, articoli di critica, biografie, ritratti, profili, caricature ce l'hanno illustrata in giornali; riviste, opuscoli e libri. Gli episodi più autentici e più inventati della sua carriera continuano a ripetersi nel mondo del teatro e vicino al teatro. Le interviste poi non si contano più. “Conversando con Dina Galli” è un titolo che si è visto in ogni giornale che si rispetta, sopra una colonna e mezza di prosa più o meno bril1ante, seguita da una firma illustre o sconosciuta. E l'intervista, il più delle volte, è andata così: un amico di Dina ha introdotto il giornalista nel camerino di lei, in un teatro qualunque. - Dina, ecco il signor tale che da un pezzo desidera conoscerti… E Dina gli ha fatto il suo miglior sorriso, ed ha pronunziato quell'oh… un po' ambiguo che può significare: “avevo tanto sentito parlare di lei…, oppure: “quale onore, signore…”, oppure: “se lei sapesse come mi dà fastidio in questo momento!”… Poi ha parlato del tempo che fa, ha bevuto un sorso di menta al selz e s' è cambiata di vestito per la scena. II giorno dopo la posta, salvo il caso di ostruzionismo, “inoltra” in provincia, manoscritto raccomandato, l'intervista del signor Tale, che comincia quasi sempre così: “Dina Galli mi accolse nel suo camerino pieno di mazzi di fiori che lo trasformavano in una serra olezzante”. Fateci attenzione, e vedrete che “la serra olezzante non manca mai”. Ora tutto questo è perfettamente logico e naturale. Omaggi a un'attrice illustre non furono mai più meritati. Invece appare quasi straordinario che Dina sia passata attraverso a tanta ammirazione ed esaltazione, conservando la sua buona, dolce, affettuosa semplicità sorridente, che sia rimasta, “umile in tanta gloria” una cara, deliziosa compagna. Ma quel ch'è più interessante e che forse non tutti sanno è fino a qual punto ella abbia perseguito e continui a perseguire un suo sogno d'arte. Le sue specialissime doti e il suo temperamento l'hanno portata verso quel genere di commedie brillanti, delle quali non abbonda certo il teatro italiano. Perciò c'è forse chi pensa che ella preferisca il teatro francese. Non è punto vero. Dina è immensamente felice se un autore italiano le offre una commedia italiana. Ricordo la purissima gioia da lei provata quando Dario Niccodemi scrisse per lei Scampolo, le ansie che precedettero la prima recita all'Olympia di Milano, la sincera irrefrenabile commozione dell'attrice e dell'autore dopo il trionfo. Ricordo i suoi dubbi e i suoi timori manifestati con tanta ingenua semplicità e così esagerata modestia, quando il Niccodemi stesso le offrì La Maestrina e le nuove ansie, la nuova emozione, il nuovo successo. E così tutti indistintamente i lavori di autori nostri che sono stati da lei rappresentati le hanno dato un più vivo palpito e una più intima soddisfazione, e non hanno mai più abbando¬nato il suo repertorio. Basta citare La foglia di fico di Fraccaroli, Il braccialetto al piede di Vene¬ziani - che pure era già stato rappresentato da un'altra Compagnia, Madonna Oretta di Forzano, Tre Atti di Guasti… Adesso aspetta da Niccodemi quella Ballerina che starà facendo gli ultimi esercizi sulle punte, e da Gino Rocca Canestri azzurri; di cui già conosce la trama. Se vi occorre qualche altra spiegazione, chiedetela pure a lei stessa che si trattiene a Milano per una lunga stagione. E se - caso strano - non la conoscete personalmente, fatele molta festa lo stesso. Così ella immaginerà d'avervi già conosciuto chi sa dove e chi sa quando. Dovete sapere che una volta, un giovinotto molto chic, tipo irreprensibile di viveur si pre¬sentò nel suo camerino.... Ah, no! Basta. Mi accorgo, fortunatamente in tempo, che stavo per aprire la serie degli aneddoti. Non occorre. E' uscito proprio in questi giorni un volume su Dina Galli e Amerigo Guasti che ne è pieno. E siccome l’autore è amico mio, non voglio fargli concorrenza...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *