Gente tutto cuore (1990) Silvio Spaccesi – Pia Velsi

La Compagnia Silvio Spaccesi presenta:

Gente tutto cuore (1990)

Di Ermanno Carsana

  • Interpreti: Silvio Spaccesi, Pia Velsi, Pascale Saccone, Vittorio Guerrieri, Lamberto Consani, Marco Lapi
  • Musiche: Michele Paulicelli
  • Scene: Marco Moreschi
  • Regia: Sergio Patou Patucchi - Silvio Spaccesi

 

 

1. Spaccesi 2. Velsi 3. Saccone 4. Guerrieri 5. Consani 6. Lapi 7. La Compagnia

Programma di sala (pagine 16)
  • Introduzione (Laura Colasanti)
  • Il cast
  • Note di regia (Sergio Patou Patucchi)
  • Fotografie
  • Nella stessa serata anche il monologo "Fa male il tacacco! o no?"

Lo spettacolo si compone di due atti unici. La prima parte presenta "Fa male il tabacco... o no?", da A. Cecov. ll monologo è quello noto, con le inserzioni geniale e gustose di Silvio Spaccesi che porta sulla scena il gusto goliardico degli studenti dell'Arte Drammatica, con la consapevolezza, maturità e puntualità che solo un vero attore è in grado di conferire ad un personaggio altrimenti fin troppo consumato. Gli interventi esterni sono trovate di regia che riportano il testo ai nostri giorni, conferendogli un'attualità sorprendente distante anni luce dal microcosmo di un personaggio minimo, la cui umanità è però immensa. ll secondo tempo presenta l'atto unico "Gente tutto cuore" di Ermanno Carsana. Tutto può accadere quando la "classica" luna di miele, sospesa nel cielo di Venezia, si trasforma in un rosso d'uovo fresco e precipita su una fetta di pane casareccio, in un paese qualunque. Tra i cocci dei sogni infranti dell'energica e battagliera sposina, il principe azzurro si trasforma in un povero diavolo che non sa sconfiggere nemmeno mucche e galline. I personaggi che irrompono nel sogno d'amore degli sposini travolgono con la loro comicità, semplice e antica. Ne risulta un gustoso intingolo dove la vacillante luna di miele, prende sempre più il sapore dell'aglio, olio e peperoncino... il sapore genuino della "Gente tutto-cuore" non sempre facile da digerire!


Laura Colasanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *