Il dramma 1926 Numero 12 – Ida Gasperini

Novembre 1926 - Anno II - Numero 12

IL DRAMMA

Rivista mensile di commedie di grande successo diretta da Lucio Ridenti - Editrice "LE GRANDI FIRME" Torino

  • In questo numero:
  • SPOSAMI il testo completo della commedia in tre atti di Yean Conti e Emily Godey - COCORITA un atto di Gino Saviotti - Chin non è di scena è fuori (di Lucio Ridenti) - "Premières" (di Angelo Frattini) - Termocauterio...
  • In copertina: Ida Gasperini

 

lda Gasperini è prima attrice al Teatro di via Meravigli, a Milano. Nessuna meraviglia, dunque, se questa attrice che ha già destato meraviglie, meraviglierà il pubblico con la sua personcina meravigliosa. L'unica a non meravigliarsi mai di nulla è proprio lei. Nemmeno del viso arcigno che le farà Gandusio - col quale sarà scritturata il nuovo anno - quando il dinamico autore si accorgerà che Ida Gasperini al posto delle gambe e delle braccia ha quattro fiammiferi svedesi. La marca di fabbrica è indispensabile, perchè Ida Gasperini appartiene al reparto speciale del teatro: attrici di lusso. Prodiga come Quenzaltino, Re del Tegucicalpa, ha già avuto una compagnia sua che le è costata un possedimento lasciatole da uno zio materno e che univa esattamente Antofagasta e Coquimbo, nel Cile. Per riscattare queste terre un po' lontane, ma dove si recherà a 103 anni, ha deciso di non comperare più calze per tutto il tempo che resterà con Gandusio: così come i fiammiferi, non protetti, si infiammeranno, e la Gasperini apparirà luminosissima: l'ultima delle meraviglie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *