Proscenio 1934 Numero 08 – Il Miracolo dei fiori

Agosto 1934 - Anno I - Numero 8

PROSCENIO - Rivista del teatro italiano

Direttore responsabile Guido Giannini - Direttore tecnico Carlo Trabucco - Casa Editrice Giannini 26 Borgo San Giacomo Firenze

  • In questo numero (articoli principali):
  • IL MIRACOLO DEI FIORI azione drammatica in tre tempi con commento musicale di Ander Kin - Contravveleno (di Guido Fiorentino) - Il successo italiano di un'attrice e un autore (di Mario Terzi) - Oltre un secolo fa: varie curosità storiche teatrali - Cronaca e Notizie

 

Cronaca e notizie

Un busto ad Alfredo Testoni inaugurato a Bologna - Nel giardino della Casa di Riposo degli artisti drammatici, a Bologna, è stato inaugurato un busto in bronzo di Alfredo Testoni, opera di Ercole Drey, eretto con le oblazioni degli amici e ammiratori del popolarissimo commediografo bolognese. Alla cerimonia, semplice e raccolta, erano rappresentate tutte le autorità cittadine ed erano presenti anche la vedova dello scrittore, signora Cesira, Ermete Zacconi, Giuseppe Lipparini e altri. Lorenzo Ruggi, ha dato lettura delle molte adesioni ha quindi parlato brevemente lumeggiando la figura di Alfredo Testoni, e pregando Ermete Zacconi di voler togliere il velo che ricopriva il busto. Dopo che fra gli applausi il volto sorridente e arguto di Testoni è apparso ai presenti, Sabatino Lopez ha pronunciato un caldo e commosso discorso parlando di Alfredo Testoni come uomo e come letterato.

Periodici teatrali soppressi - Con decreto del Prefetto di Milano in data 16 luglio, sono stati soppressi i seguenti periodici appartenenti ad ex-agenti e agenzie teatrali: Corriere di Milano, Rivista Teatrale Melodrammatica, Il piccolo teatro, Rassegna Teatrale Melodrammatica, l'Olimpo Artistico, l'Arte Drammatica, il Gazzettino di Milano. Deciso e secco il colpo di bisturì è giunto al momento opportuno a concludere l'opera di risanamento morale attuato dal Fascismo con l'abolizione del mediatorato e l'istituzione di uffici di collocamento. Questi giornali artisticamente rappresentavano esattamente nulla, cioè, i singoli proprietari che ci vivevano sopra. Il provvedimento è stato quanto mai opportuno. Un vero provvedimeuto di pulizia.

Francia e Italia - Mentre Emma Grammatica richiamava l'attenzione dei francesi con le sue recite parigine al teatro della Madeleine, dando rispettivamente "Casa di bambola", di lbsen; martedì 26: "La sorridente signora Beudet", di Arniel; mercoledì 27: "Le medaglie della vecchia signora", di Barrie; giovedì 28: "Cavalleria rusticana", di Verga, e "La locandiera", di Goldoni; venerdì 29:  "La vergine folle", di Bataille, e sabato 30: "La città morta", di D'Annunzio, a Roma una compagnia francese dava il 30 giugno e il 1 luglio, nel tempio di Castore e Polluce "l'Horace" di Corneille e il "Britannico di Racine". Il Duce che aveva assistito alle recite ricevette poi a Palazzo Venezia gli attori felicitandosi con loro che ebbero a dichiarare di avere trovato in Mussolini un "brillante causeur".

G. B

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *